Bhutan e Nepal, festival di Thimphu

Bhutan e Nepal, viaggio di gruppo

Data: 10 – 22 settembre 2024
Disponibilità: posti esauriti
Prezzo del viaggio
4.390 € voli inclusi
Scontato fino al 31 marzo, poi 4.490 €
Il prezzo include
Voli intercontinentali da Milano
Assicurazione annullamento

Il Bhutan: un sogno per ogni viaggiatore, una delle mete più iconiche dell’Asia! Un piccolo regno incastonato tra le vette più alte al mondo dove il Buddhismo Himalayano è meglio conservato. Si tratta di un paese che per secoli è rimasto isolato proprio nel tentativo di preservare la cultura e la natura locali.

La vera chicca è il suo meraviglioso popolo. Gli ingressi sono contingentati e concessi solo dietro il pagamento di un’alta tassa giornaliera (già inclusa nel costo del viaggio). Questa tassa viene quasi interamente utilizzata dal governo per migliorare la qualità di vita della popolazione e per progetti di conservazione.

Visiteremo il Bhutan proprio nel corso di uno dei momenti più importanti del paese: i Festival Buddhisti di Thimphu e Gangtey Gonpa, due occasioni uniche. Scopriremo infine anche l’affascinante Kathmandu, in Nepal, con i suoi templi e palazzi medievali.

Festival di Thimpu, Bhutan

Itinerario di viaggio

Giorno 1 – Si parte!
Volo intercontinentale con scalo per il Nepal.

Giorno 2 – Benvenuti nella Città degli Dei
Arrivati nella capitale nepalese, una volta sbrigate le procedure per l’immigrazione, incontreremo il nostro staff locale che ci accompagnerà in hotel. Avremo quindi il resto della giornata libera per una prima passeggiata nel quartiere di Thamel, il cuore pulsante della città, famoso per essere il punto di riferimento per gli appassionati di trekking e alpinismo. Cena di benvenuto in uno dei ristoranti tradizionali della città.

Giorno 3 – Bhutan, arriviamo!
Dopo la prima colazione saremo accompagnati in aeroporto in coincidenza con il volo per Paro, l’unico aeroporto internazionale del Bhutan. Il volo sarà spettacolare! Meteo permettendo potremo ammirare il massiccio dell’Everest alla nostra sinistra, poi la perfetta silhouette del Makalu fino a sorvolare l’incredibile mole del Kanchenjunga lungo il confine tra Nepal e Sikkim. Arrivati a Paro saremo immediatamente accolti dalla meravigliosa atmosfera del Bhutan: abiti tradizionali, tipiche abitazioni in legno e, soprattutto, un senso di pace e tranquillità che ha reso questo piccolo regno himalayano l’unico paese al mondo ad utilizzare il FIL (Felicità Interna Lorda) al posto del comune prodotto interno lordo. Pomeriggio dedicato alla scoperta della capitale e della sua valle con i Dzong (i tipici monasteri fortificati, oggi scuole monastiche, che in passato fungevano anche da baluardi difensivi contro le scorribande di predoni dai regni vicini). Tra questi il Rinpung Dzong, che significa “la fortezza del mucchio di gioielli”, oggi centro dell’autorità civile e religiosa dell’intera vallata di Paro. Qui sono state girate diverse scene del film di Bertolucci “Il piccolo Buddha”. Visiteremo a piedi anche la città con l’affascinante mercato locale per iniziare a vivere la magica atmosfera di questo paese e le sue antichissime tradizioni. Possiamo perderci i peperoncini appesi a seccare? Eh sì, il Bhutan è uno dei paesi al mondo che fa maggior uso di peperoncino!

Giorno 4 – Verso Thimphu
Da Paro, un breve trasferimento in auto di circa 1.5 hr ci permetterà di raggiungere Thimphu. Dopo esserci sistemati in hotel dedicheremo la giornata alla scoperta dei principali siti della valle: il Tashichho Dzong, un antico monastero fortificato, dal secolo scorso sede del governo, con la Sala Reale e una struttura monastica che, a seconda dei periodi, ospita più di 1600 monaci buddisti. Inizieremo a familiarizzare con le tradizioni del paese e con il Buddismo Mahayana. Visiteremo anche il Memorial Chorten, uno stupa moderno (risale agli ultimi anni del secolo scorso) che, con la sua bellissima architettura, è divenuto il simbolo del paese. Scopriremo inoltre l’imponente statua del Buddha Dordenma, alta più di 50 metri, prima di raggiungere in auto Sangaygan, un luogo panoramico dal quale si ammirano bellissimi scorci sulla valle e sulle montagne in lontananza. In serata faremo una passeggiata lungo le strade della città, sicuramente molto animate dal Festival Buddhista che si svolge in questi giorni.

Festival in Bhutan, viaggio di gruppo

Giorno 5 – Il Festival di Thimphu
Dedicheremo la giornata a questo emozionante evento che si tiene ogni anno nella capitale a partire dal decimo giorno dell’ottavo mese del calendario lunare. Il festival, uno dei più interessanti del paese, richiama migliaia di persone che arrivano da ogni regione del Bhutan sia per santificare la festa sia come momento di aggregazione: antiche danze dalla simbologia misteriosa con moltissimi influssi derivanti dal Buddhismo Tantrico ancora presente nel paese, musiche tradizionali, costumi coloratissimi e le bellissime maschere rituali. Un’esperienza unica che si immerge in una cultura millenaria che ha pochi eguali al mondo. Gli orari e la partecipazione alle varie cerimonie saranno decisi in funzione degli eventi. Il resto della giornata lo dedicheremo ad una più approfondita scoperta della città.

Giorno 6 – On the road verso Punakha
Presto al mattino ci muoveremo in direzione nord-est lungo una strada che attraversa il Dochula Pass dal quale si ammirano bellissimi panorami sulle montagne ricoperte da foreste e, sullo sfondo, le grandi montagne himalayane. Lungo il tragitto ci fermeremo per visitare il Chimi Lhakhang, un piccolo monastero, anche chiamato Tempio della Fertilità, dove è facile incontrare coppie locali che si recano in pellegrinaggio per avere bambini. Il Tempio si raggiunge con circa un’ora e mezza di piacevole passeggiata tra risaie a terrazzamenti, campagne rurali e piccoli villaggi. Una volta arrivati visiteremo il Punakha Dzong, un enorme complesso monastico risalente al XVII secolo, antica residenza reale e ancora a oggi residenza invernale dei principali Lama e notabili del Bhutan. È conosciuto anche come il Palazzo della Grande Felicità e Beatitudine ed è il centro religioso e amministrativo del distretto di Punakha. Una sosta presso la Galems House, una fattoria tradizionale, famosa per essere al centro di un’antica leggenda definita la “Romeo and Juliet” del Bhutan.

Giorno 7 – Il festival di Gangtey Gonpa
Oggi ci aspetta un trasferimento non troppo lungo verso Gangtey, il punto più orientale del paese che toccheremo con questo itinerario. All’arrivo avremo modo di immergerci nuovamente nell’atmosfera di un Festival Buddhista, ancora balli e danze tradizionali e le immancabili maschere che si ispirano alla complessa simbologia buddista. Il festival si svolge nell’affascinante Monastero di Gangtey (XVII secolo), la sede principale della Scuola Nyingmapa, la più antica delle quattro famose scuole di Buddismo Tibetano. Il monastero è composto da un grande tempio centrale circondato dal monastero e da altri cinque templi più piccoli. All’interno sono presenti interessanti pitture murali e statue grazie a cui continueremo ad approfondire la complessa simbologia del Buddismo tibetano. Il monastero ospita solitamente un centinaio di monaci residenti che trascorrono interi anni in questo luogo per imparare le scritture, gli insegnamenti solo verbali e le profonde tecniche di meditazione dell’affascinante Buddhismo Tantrico. Nel pomeriggio ci rilassiamo nella piacevole atmosfera del villaggio.

Giorno 8 – Si rientra a Paro
Oggi ci aspetta un lungo trasferimento di circa 6 ore per rientrare a Paro seguendo la strada fatta nei giorni precedenti, ma non meravigliamoci: aprite una cartina del Bhutan e guardate quante strade ci sono, ne troverete solamente una che taglia il paese da est a ovest. Arrivati nuovamente nella cittadina potremo fare una passeggiata alla scoperta dei tanti negozi tradizionali, un po’ di shopping non guasta mai!

Giorno 9 – Il Tiger Nest
Spenderemo larga parte della giornata con un’escursione al famoso Monastero di Taktshang, sicuramente il più famoso del paese e conosciuto anche come “Tiger Nest”, arroccato lungo le pendici di una montagna. La leggenda narra che il Guru Rinpoche – venerato come il secondo Buddha dopo Siddharta – sia giunto qui a dorso di una tigre prima di un periodo in meditazione nel luogo dove in seguito fu edificato il monastero. Il Tiger Nest venne parzialmente distrutto da un incendio alla fine del secolo scorso, ma è ora completamente ricostruito grazie a un attento e meticoloso restauro che lo ha riportato al suo splendore originale. Nel pomeriggio, rientrati in città, a seconda del tempo rimasto potremo visitare altri interessanti siti come il Tempio di Kyichu Lhakhang, uno dei 108 monasteri fondati dal Re Tibetano Songsten Gampo lungo tutto l’arco himalayano e che ha segnato l’ingresso ufficiale del Buddhismo tibetano nel Regno del Buthan; o il Kila Goempa Nunnery che si raggiunge con una passeggiata a piedi di circa 1 hr partendo dal Chelela Pass che domina la città.

Nepal e Bhutan, tour organizzato

Giorno 10 – Si torna in Nepal
A malincuore, dopo la prima colazione, raggiungeremo l’aeroporto in coincidenza con il volo di ritorno in Nepal. Arrivati a Kathmandu raggiungeremo il nostro hotel e avremo il resto della serata libera per una passeggiata a Thamel.

Giorno 11 – I segreti di Kathmandu
Un’intera giornata per perderci nel caos di Kathmandu, con il suo melting-pot e l’affascinante mix tra spiritualità e storia antichissima che ci riporta al turismo alternativo/hippy a cavallo tra anni ’60 e ’70. Scopriremo il tempio buddista di Swayambhunath – conosciuto anche come il tempio delle scimmie – situato su una collina dalla quale, nelle giornate più limpide, si riesce ad avere un bel colpo d’occhio sui primi contrafforti himalayani. Il tempio si raggiunge tramite una lunga scalinata lungo la quale dovremo “proteggerci” dagli scherzi e dalle richieste di cibo delle centinaia di scimmie che popolano il sito! Visiteremo anche il tempio induista di Pashupatinath lungo le sponde del fiume sacro Bagmati, uno dei luoghi di culto più importanti dedicati al Dio Shiva, dove è facile incontrare i Sadhu, gli uomini sacri che hanno dedicato la propria esistenza al Dio attraverso una vita di povertà e ascetismo. Nelle vicinanze del tempio troveremo inoltre il principale sito crematorio della città affacciato lungo i Ghat (i tipici gradoni lungo le sponde dei fiumi o laghi). Ci immergeremo anche nella comunità buddista di Boudhanath, un enorme stupa, molto frequentato anche dalle comunità tibetane del paese. A completare la scoperta della città non potremo perderci il suo cuore medievale con la zona di Durban Square: decine di templi, palazzi e la casa della Kumari, la Dea Bambina che secondo la tradizione è l’incarnazione della Dea Durga. Nel tardo pomeriggio, rientro in hotel prima della cena libera in uno degli ottimi ristoranti della città.

Giorno 12 – La valle di Kathmandu
Oggi dedicheremo la giornata alla scoperta delle due città medievali di Patan e Bhaktapur con i palazzi in classico stile Newari ed alcuni dei più interessanti templi della valle, molti dei quali dal caratteristico stile architettonico Shikhara. Il piccolo ma interessante museo di Patan raccoglie una bellissima collezione di sculture e pitture sia buddhiste sia induiste. Nel tardo pomeriggio rientreremo in hotel a Thamel per una cena in un ristorante tradizionale nepalese.

Giorno 13 – Si torna a casa
Dopo la prima colazione, saluteremo Kathmandu e raggiungeremo l’aeroporto in coincidenza con il volo di rientro in Italia. Dopo aver visitato uno dei paesi più affascinanti e meno turistici del mondo, legati da ricordi ed emozioni indescrivibili, sarà normale una lacrimuccia sul viso al momento di salutarci 🙂

  • Voli di linea con scalo/i per Kathmandu in classe economica
  • Voli di linea per Kathmandu/Paro/Kathmandu in classe economica
  • Visto d’ingresso in Bhutan
  • Tassa SDF in Bhutan
  • Pernottamenti in hotel 3* / guesthouse in Nepal e Bhutan
  • Guida parlante inglese durante le attività in Nepal e Bhutan (le guide in Bhutan sono governative come stabilito dalla legge)
  • Tutte le attività descritte nel programma
  • Trasporti con bus in Bhutan e durante le visite a Kathmandu
  • Prime colazioni a Kathmandu
  • Pensione completa in Bhutan
  • Assicurazione annullamento e medico/bagaglio
  • Presenza di un coordinatore dall’Italia
  • Pasti e bevande non menzionati nell’itinerario
  • Spese personali durante il viaggio
  • Quanto non espressamente menzionato alla voce “Cosa è compreso”

Perchè unirsi ai miei viaggi di gruppo?

  • Sono sempre io in persona ad accompagnare tutti i viaggi di gruppo presenti in questo sito. Ci metto la faccia! Non troverai mai coordinatori sconosciuti o con poca esperienza
  • Non si tratterà della solita vacanza organizzata ma di una vera e propria avventura: saremo prima di tutto degli amici che ogni giorno vivranno esperienze indimenticabili
  • Vuoi farti un’idea di come sarà il viaggio? Guarda nel mio canale YouTube i video che ho realizzato su alcuni degli scorsi viaggi di gruppo
  • Con chi viaggerai? I partecipanti ai miei gruppi hanno in media un’età compresa tra i 18 ed i 45 anni, con qualche eccezione. Molti partono da soli, qualcuno con gli amici, qualcun altro in coppia
  • Avrai a disposizione tutto il supporto del mio tour operator KeTrip ed una chat di gruppo, creata circa un mese prima della partenza, in cui ci si potrà conoscere e dove verranno inviati i suggerimenti sul bagaglio e le info relative al viaggio
  • Se questo non bastasse, ecco le recensioni di chi è partito con me in questi anni 🙂
5.0
federica milano
federica milano
Rientrata da poco dalla Namibia e che dire, esperienza pazzesca. Paesaggi magnifici, momenti indimenticabili e organizzazione top, dalle strutture alle attività. Grazie a Fabio Liggeri e Luca Reginelli per essere stati dei coordinatori ma soprattutto dei compagni di viaggio fantastici, non vedo l’ora di fare un altro viaggio con voi!
Roberta Vianello
Roberta Vianello
Ketrip, uguale a “KESPASSO”! Sono rientrata da poco da un viaggio con loro in Namibia on the road con i fuoristrada. Indescrivibile, emozione allo stato puro. Il programma di Ketrip organizzato in ogni minimo dettaglio, ci ha permesso di visitare i paesaggi più emozionanti nella Namibia! Fabio Liggeri, coordinatore del viaggio, insieme a Luca Reginelli, hanno reso ogni singolo momento indelebile nei nostri cuori. ♥️
Chiara Tulumello
Chiara Tulumello
Sono stata in Namibia con Ketrip ed è stato il viaggio della vita. Esperienza in fuoristrada e campeggio, paesaggi assurdi e organizzazione TOP. Fabio e Luca i due coordinatori sempre disponibili, sono stati davvero due ottimi compagni di viaggio. Consiglio di affidarvi a loro se volete vivere un’esperienza autentica come foste in una grande famiglia, a presto!🥹
Francesca Conte
Francesca Conte
E' la seconda volta che viaggio con KeTrip e che dire, ottima esperienza! Sono stata in Namibia nel 2023 e in Etiopia quest'anno, viaggio che mi ha veramente fatta innamorare. La scelta delle guide locali e' stata eccellente, stessa cosa per l'organizzazione del programma e i pernottamenti. I viaggi che organizza KeTrip spaccano e dietro all'organizzazione ci sono persone valide, pronte anche ad assecondare le esigenze personali, per quanto possibile. Si respira proprio una dimensione umana. Fabio e' un gran bravo ragazzo, un coordinatore mite ma sempre pronto alla battuta, disponibile, flessibile e conoscitore di viaggi. Lo stesso vale per Tommy, Nico e Antonio, che avevo conosciuto l'anno scorso. Nonostante viaggi spesso anche da sola, mi piace affidarmi a loro per i viaggi di gruppo. Per altro, ho sempre trovato compagni di gruppo carini. Insomma, super recommended!!
Martina Tolu
Martina Tolu
Per me in questi abbracci c’è tutta la potenza e la meraviglia dei viaggi di KeTrip.Sono tornata da poco dall’Etiopia con (come lo chiamo io) il mio coordinatore del cuore, Fabio, e ci sono delle cose nella vita come questi abbracci, che sono difficili da spiegare, hanno solo bisogno di essere vissuti.Ecco, se avete ancora voglia di stupirvi ed emozionarvi per queste semplici cose non dovete far altro che prenotare uno dei loro Viaggi. Dovete far attenzione però, è probabile che al vostro ritorno non sarete più quelli che eravate prima della partenza, ma non temete, questa sensazione crea dipendenza! Diffidate delle imitazioni e scegliete sempre e solo KeTrip!Grazie a Fabio e tutto il Team, siete speciali! 💖
js_loader

Per richieste o maggiori informazioni: info@viaggioergosum.com

Gli itinerari sono stati studiati da Fabio Liggeri (Viaggio Ergo Sum) secondo la propria filosofia di viaggio, nel pieno rispetto della cultura locale. Il viaggio è gestito da KeTrip Srl e VIA – Viaggi in Avventura Srl, P. IVA 09229241006, autorizzazione attività Tour Operator e Agenzia di Viaggio n. 4146/09 rilasciata dalla Provincia di Roma.